Menu

Variety of Beer in the World – BeerPedia

This page lists the most popular types of beer produced in the world.

ALE

birre che risaltano un sapore dolce, dal corpo pieno e fruttato dovuto alla fermentazione fatta ad alte temperature. La tipologia Ale raggruppa diversi stili caratterizzati da colore, sapore e gradazione alcolica diversi (Bitter, Mild ale, Brown ale, Old ale, Barley wine, India Pale Ale (o IPA), Stout, Porter, Bière de Garde).

ALT, ALTBIERE

in tedesco significa vecchia birra, si riferisce all’antico metodo di produzione che utilizza lievito ad alta fermentazione e malto scuro. Tipo di birra tradizionale tedesca originaria delle regioni di Düsseldorf e di Niederrhein in Germania. La densità del mosto varia da 11,5 a 12 %, gli ingredienti, sono conformi al Reinheitsgebot, la legge tedesca sulla “purezza” della birra. Di colore ramato tendente allo scuro, con spuma modesta e poco compatta, sapore aromatico di luppolo.

BARLEY WINE

termine inglese per designare una ale molto forte. Ha questo nome perché è la birra che si accosta di più al vino sia per i sapori che per il tasso alcolico che risulta elevato rispetto alla media delle birre. Ha un colore molto scuro, spuma leggera, aroma fruttato. Gradazione alcolica circa 11 °C. Si serve a temperatura di cantina 12 °C..

BERLINER WEISSE

birra di frumento ad alta fermentazione dal gusto acido ed a bassa gradazione, prodotta a Berlino. Ha un grado alcolico di circa il 2,8 % e un colore scuro lattiginoso. Servita fresca (8-10 ° C) e spesso addolcita con sciroppo di lampone.

BIÈRE DE GARDE

tipo di birra prodotto in Francia, in particolare nel nord-ovest, fatta maturare in botti o tini di legno in modo da conseguire colore a aroma tipici. Queste birre solitamente vengono fermentate in inverno e primavera, per evitare problemi di temperatura durante la stagione estiva. Appartiene alla famiglia delle ALE, spuma leggera e poco persistente, di gradazione medio-alta, fruttata, ottima con i formaggi piccanti o alle erbe. Si serve a temperatura di cantina (10-13 °C).

BIÈRE BLANCHE/WITBIER/BIRRA BIANCA

birra a base di frumento che viene prodotta in Belgio. Sono caratterizzate da un aspetto tipicamente torbido, causato dalla presenza di lievito e proteine del frumento in sospensione. Assai rinfrescante e digestiva, con particolarità aromatiche dovute all’aggiunta di coriandolo e curaçao. Vanno servite in bicchieri dall’imboccatura larga e sono particolarmente adatte per il momento dell’aperitivo.

BIRRA LIGHT

birra ipocalorica, versione diluita della pilsener. Le birre light hanno un contenuto è pari a 28 Kcal, con un apporto in carboidrati pari a 1,3g, meno della metà della birra “regular” o “normale”. Si serve a 7° C come bevanda rinfrescante.

BIRRA SCURA

termine utilizzato prevalentemente per le birre scure di Monaco di Baviera. Vantano un gusto deciso, un po’ asprigno ma molto dissetante, specie nelle afose serate estive.

BITTER ALE

E’ un tipo di birra Ale britannica, ad alta fermentazione, ben luppolata, poco carbonata. Queste birre presentano un profumo leggero ed aromatico, mentre il gusto denota la presenza del luppolo inglese con delicato sapore di malto. Il colore varia dal bronzo al rame intenso e possiedono una discreta densità. La gradazione alcolica varia dal 3% al 7% vol. Va bevuta a circa 12-13 °C.

BITTER STOUT

birra scura ad alta fermentazione prodotta da malto d’orzo tostato, ha un forte aroma, un colore scuro ed è la più amara della famiglia delle Stout britanniche.

BOCK

tipo di birra tedesca a bassa fermentazione, forte, che ha origini nella città Anseatica di Einbeck, in Germania. Il nome è infatti la storpiatura di quello della città, ma “bock” in tedesco significa caprone. Si serve a non meno di 9 °C in un boccale di ceramica (krug). Di colore variabile dall’ambrato chiaro al bruno scuro, ha spuma compatta, profumo maltato e sapore pieno (5,5°). La versione olandese (bok) è più scura e più aromatica. Da consumare preferibilmente a temperatura di cantina, in modo da poterne apprezzare il gusto e gli aromi.

BROWN ALE

è uno stile di birra prodotta con malto marrone (brown in inglese) o scuro. Birra ad alta fermentazione tipica dell’Inghilterra, dolciastra. E’ prodotta con acqua solitamente più dolce di quella usata per le altre birre. In Gran Bretagna ne esistono due tipi, che differiscono per il grado di dolcezza. Entrambi sposano bene dolci e noci. Gradazione alcolica 3,5-5,5% vol.

BUOZA

birra africana a fermentazione spontanea.

CANAPA

birra a base di semi di canapa.

CASSIS

lambic belga di frumento e malto d’orzo a cui viene aggiunto il succo naturale di mirtillo e fatta maturare in botti prima dell’imbottigliamento.

CHAMPAGNE

termine usato per identificare birre molto ricche di gas carbonico e perciò particolarmente gassate.

CREAM ALE

birre famose per la loro spiccata freschezza. Di origine americana, nate durante il periodo del pre-proibizionismo, periodo durante il quale le Cream Ale avevano un profilo più alcolico e luppolato rispetto a quelle odierne. Si serve a 7-10 °C.

D’ABBAZIA

La birra d’abbazia è una categoria che comprende alcune tipologie e non uno specifico tipo di birra. Questa categoria include le birre provenienti da abbazie sia esistenti, sia sciolte degli ordini benedettini e norbertini. Prodotte seguendo l’antica tradizione birraia in numerose abbazie belghe, queste birre sono prodotte con il classico metodo dell’alta fermentazione. Generalmente corpose e di forte contenuto alcolico (da 6 a 9 gradi alcolici), la loro colorazione varia dall’oro carico, all’ambrato, al rosso cupo, al bruno scuro.

DIÄT PILS

il loro basso contenuto di carboidrati generati dalla sua produzione, rende questa birra particolarmente adatta alle persone che presentano problemi di salute come i diabetici. Una fermentazione eccezionalmente prolungata elimina i carboidrati ma allo stesso tempo sviluppa alcol. Questo procedimento finisce per creare una birra molto forte e secca. Gli esempi più noti sono versioni del tipo pilsener.

DOPPELBOCK

sono birre corpose e di colore scuro, che può andare dall’ambrato intenso sino al quasi nero. Bock “doppia” per un maggior impiego di malto. Tipo di lager eccezionalmente forte, associato alla regione della Baviera. Ha un sapore molto ricco. La gradazione alcolica oscilla da 5,7° a 6°. Si serve a 10 °C.

DORT

birre export di origine tedesca prodotte con lieviti a bassa fermentazione e con modesto tenore di luppolo. E’ caratterizzata da un colore chiaro e dorato, moderatamente amara per via del luppolo nobile. Vengono prodotte anche in Belgio e Olanda. Si serve leggermente fredda, tra 10° e 12° C.

DORTMUNDER

birra fabbricata a Dortmund, che nell’800 era la città tedesca che esportava maggiormente birra.

DRAUGHT

birra ambrata chiara dal tipico stile neozelandese a dal gusto molto dissetante.

DUBBEL

è una convenzione terminologica per la birra belga ad alta fermentazione prodotta con un più alto contenuto di malto rispetto alle altre birre locali, da qui il sapore di malto. Il suo colore varia dall’ambrato al bruno rossastro. Gradazione 6 – 7,5°.

DUNKEL

Il termine dunkel identifica uno stile di birra tedesco caratterizzato dal colore scuro: “scuro” è proprio il significato letterale di “dunkel”, in lingua tedesca. Appartiene alla famiglia delle lager: si tratta cioè di birre a bassa fermentazione.

EISBOCK

è una birra tipica del Circondario di Kulmbach che viene prodotta per “distillazione a freddo” di una doppelbock, alla quale viene rimosso il ghiaccio per concentrare il gusto e la gradazione alcolica (dal 9% fino a oltre il 14% vol). La birra che rimane è ricchissima di malto e molto scura. Va servita in piccole quantità e ben ghiacciata.

ESOTICHE

Le birre esotiche sono pressoché delle birre che rientrano nella famiglia delle lager, ma vengono inserite in questa pseudo-categoria per via delle loro peculiarità particolari.

EXPORT

in Germania definisce una lager più secca di quella di Monaco, ma meno luppolata di una pilsener, e comunque più forte di entrambe. Ottima con insalate, pesce e pollo. Si serve a 8-9 °C. Altrove è sinonimo di premium.

EXTRA ZWAAR BIER

prodotta nei Paesi Bassi con gradazione saccarometrica superiore a 13°. Può essere chiara (Licht zwarr bier). Se ha meno di 13° saccarometrici ed è chiara viene chiamata Licht lager bier.

FARO

versione più dolce della belga lambic a cui viene aggiunto dello zucchero. Bevanda ristoratrice da metà pomeriggio o prima serata. Si serve a temperatura di cantina.

FRAMBOISE/FRAMBOZEN

è una tipologia di birra belga che prevede, in aggiunta al mosto, l’uso di lamponi in fase di fermentazione; solitamente essa è prodotta utilizzando come base una birra ale o lambic. Adatta per le occasioni eleganti. Si serve leggermente fredda, in flûte.

GUEUZE

viene prodotta mescolando un lambic giovane (di circa un anno) ad almeno un altro più vecchio (solitamente da due a tre anni). La miscela così ottenuta viene quindi imbottigliata, e subisce una seconda rifermentazione in bottiglia grazie agli zuccheri fermentescibili contenuti nel lambic più giovane. Disponibile in versione chiara e scura, ha sapore fruttato e una longevità di 5 anni.  Nel suo paese, il Belgio, si serve a temperatura di cantina in un bicchiere a foggia di tulipano.

HEFE

prefisso tedesco che significa lievito. Sta a indicare una birra che contiene sedimento.

HELL/HELLES

chiara (e dorata) in tedesco.

ICE BEER

birra realizzata da Labatt, tramite un processo di produzione che consiste in un abbassamento graduale della temperatura a 4°C sotto zero a partire dalla fase di maturazione e fermentazione. In tal modo le sostanze ad alto peso molecolare (impurità), che potrebbero coprire il gusto del prodotto, precipitano e vengono successivamente filtrate. L’ ice beer ha una gradazione media intorno ai 5° – 5,5°.

IMPERIAL (RUSSIAN) STOUT

stout dal gusto ricco, molto forte, dal sentore di ribes bruciato. Da degustare come bicchiere della staffa. Si seve a temperatura ambiente.

INDIA PALE ALE O IPA

Birra ad alta fermentazione piuttosto alcolica, molto fruttata e luppolata, tradizionalmente prodotta con malti, luppoli e lieviti inglesi. Lo stile originale ha un aroma erbaceo e fruttato, un corpo medio/leggero, un’amarezza decisa ma bilanciata dal dolce dei malti caramellati utilizzati in quasi tutti gli stili inglesi. Originariamente destinata alle truppe inglesi in India, doveva avere un elevato grado alcolico e amaro per conservarsi durante il lungo viaggio. Si serve a 13 °C. Sposa bene la carne rossa e il formaggio.

KAFFIR

birra a fermentazione spontanea prodotta in africa.

KELLER

birra dal colore giallo ocra con sfumature arancioni, ha un aspetto che rende felice il cuore di ogni intenditore. Al naso si presenta con un deciso sentore di lievito e dal gusto secco, ha note leggermente mielose e delicate note di frutta. Al gusto si presenta dalla mite amarezza. Gradazione alcolica circa 5°.

KÖLSCH

è una birra tradizionalmente prodotta a Colonia e nella regione limitrofa. Il suo colore è dorato e contiene in media il 4.8% d’alcool; possiede un sapore leggermente fruttato e debolmente amaro. Ottima come aperitivo o digestivo. Si serve in un apposito bicchiere cilindrico (stangen) e si serve a 8-9 °C.

KRIEK

“Kriek” è una parola fiamminga che identifica una ciliegia piccola, scura e amara originaria di Schaarbeek. Tipo di birra belga invecchiata per un anno in fusti di rovere, quindi aromatizzata per 7-8 mesi con ciliegie e affinata per circa un anno in bottiglia. Colore tra il rosso-bruno e il granata, spuma compatta, profumo delicato, sapore dolce-acidulo. Ideale come aperitivo. Di norma, si serve leggermente fredda (8° circa) in flûte.

KWASS

bevanda nazionale Russa derivata dalla fermentazione di malto d’orzo, segale e farina di frumento. A volte assieme alla birra viene aggiunto sciroppo di mele, pere o frutti di bosco.

LAGER

Il termine Lager deriva dal tedesco lagern (“conservare”, “immagazzinare”) e si riferisce alla pratica di conservare le birre ad una bassa temperatura per permettere alla birra di auto-filtrarsi. Birra bionda da pasto prodotta con lieviti a bassa fermentazione di qualità standard. Anticamente questa birra veniva “iniziata” in autunno e fatta invecchiare in magazzini (lager in tedesco) a bassissime temperature, per poi essere pronta a primavera. Ricca di schiuma e di anidride carbonica ha un sapore amarognolo e asciutto. Gradazione circa 3,5-5°.

LAMBIC

birre che utilizzano ceppi di lieviti accuratamente selezionati per assicurare la fermentazione, le birre lambic sono prodotte mediante fermentazione spontanea. Si ottiene dalla fermentazione di 1/3 di grano e 2/3 di orzo leggermente maltato. Il mosto di birra lambic viene esposto all’aria e lasciato colonizzare da ceppi di lieviti detti “selvatici”, ovvero naturalmente presenti nell’ambiente. Si serve preferibilmente a temperatura di cantina.

LIGHT ALE

indica una bitter ale scura a bassa gradazione, anche se non si tratta affatto di una birra ipocalorica.

MAIBOCK

birra bock prodotta nel mese di Maggio per celebrare la primavera. Le caratteristiche rinfrescanti della Maibock si ritrovano in un aroma meno maltato e in un’impronta luppolata più evidente rispetto alla Bock, dove l’amaro è quasi sempre poco rilevante.

MALT LIQUOR

termine americano per definire una lager forte. In America è comunemente una bevanda grossolana, a volte con un’alta percentuale di zucchero, e senz’altro non liquorosa. Si serve a 7 °C.

MÄRZEN

birra della famiglia delle pale lager, le cui origini risalgono al XVII secolo. Le märzen, sia chiare che scure, come indica il nome, sono tradizionalmente prodotte in Baviera nel mese di marzo con un alto tenore alcolico affinché si conservino nei caldi mesi estivi. Viene servita fredda, tra 9° e 10° C. E’ prodotta in marzo per essere consumata durante l’Oktoberfest, dove viene bevuta in grandi quantità, esclusivamente in boccali (mass) da un litro.

MILD ALE

sono birre inglesi ad alta fermentazione e a bassa gradazione. Le caratteristiche preminenti sono date dall’essere leggera, avere un sapore leggermente maltato, con accenni di frutta. Gradazione intorno ai 3,5% vol. Si serve normalmente alla spina, nei pub, a temperatura di cantina.

MÜNCHNER

è uno stile di birra a indicazione geografica protetta prodotta a Monaco di Baviera, prodotta con lieviti a bassa fermentazione molto ricca di malto e di colore prevalentemente scuro (dunkel), anche se esiste la versione chiara (hell). La gradazione alcolica oscilla tra i 4° e i 5°.

MUNICH CHIARA/SCURA

i birrai di Monaco di Baveria producevano tradizionalmente lager scure, dal sapore speziato e caffeinato. Il nome Münchener indica questo tipo di birra che si sposa bene con il pollo o con piatti a base di pasta. Attualmente la città produce anche una vasta gamma di lager chiare. Si serve a 9 °C.

NUT BROWN ALE

scozzese, scura con un gradevole gusto di nocciola. Può essere abbinata a piatti di selvaggina.

OLD ALE

birre ad alta fermentazione che appartengono alla famiglia delle ale. Viene chiamata “Old” perche’ e’ una Ale invecchiata per oltre un anno prima di essere consumata. Gradazione alcolica 6-8% vol. In Australia qualunque ale scura può essere definita old.

PALE ALE

birra originalmente inglese di alta fermentazione, viene prodotta con una elevata quantita’ di luppolo ed ha un colore che puo’ variare dal bronzo, al dorato e anche al rame. Al gusto si presenta con un corpo pieno. Abbastanza alcolica, con valori che variano dal 6% al 12% di alcol per volume, possiedono buon corpo e gusto strutturato. Si serve a 13 °C.

PECHE

birra a fermentazione spontanea, viene fatta maturaren in botti di rovere e poi arricchita di frutta.
Questa birra è aromatizzata con pesca, ha un gusto leggero ed invitante, ed un aroma delicato e attraente.

PETITE BIERE

di produzione francese. Ha bassa fermentazione caratterizzata da un grado saccarometrico di 3-5°.

PILSENER/PILSNER/PILS

sviluppata nella città di Plzeň (Pilsen in lingua tedesca), nella regione della Boemia in Repubblica Ceca. E’ senza dubbio il più conosciuto e diffuso stile di birra e si distingue dalle altre lager per il ruolo marcato del luppolo; la percentuale alcolica si aggira intorno ai 4-5% vol. Quella tedesca presenta una maggiore quantità di anidride carbonica e un sentore più deciso di luppolo; gradazione circa 4°. Si beve in calici flute e si serve a 9 °C.

PORTER

è uno stile di birra, ottenuto con malti di colore scuro.

Dal corpo molto denso e dal gusto amaro e speziato ha un leggero aroma di cioccolato dovuto alla tostatura del malto.”Porter” in inglese significa facchino: la birra proposta per la prima volta nel 1722 da un pub di Londra in poco tempo divenne popolare tra quei lavoratori. E’ una birra di antica tradizione, madre delle Stout. Gradazione alcolica 5-6% vol. Ottima con ostriche e frutti di mare. Si serve a 13 °C.

PREMIUM

definizione che identifica le birre di qualità superiore alla media.

RADLER

Radler (parola tedesca per ciclista) è un cocktail di moderato tenore alcolico, realizzato miscelando birra e una bibita analcolica. Per la preparazione solitamente si miscelano in parti uguali birra chiara e una bevanda analcolica (tipicamente limonata, ma anche Lemonsoda, Seven Up, gassosa, o perfino chinotto). Il tenore alcolico è quindi inferiore a quello di una normale birra e può risultare gradevole anche per chi non apprezzi il gusto amaro della birra.

RAUCHBIER

è uno stile tedesco di birra a bassa fermentazione, contraddistinto da un accentuato sapore di affumicato. Colore dall’ambra al ramato, spuma piena, sapore maltato-affumicato, profumo aromatico (4,5°). Prodotta sopratutto nei dintorni di Bamberg e altri centri della Franconia. Si serve tra 12’°e 14° C.

REAL ALE

prodotta secondo antichi metodi tradizionali.

ROGGEN

è una birra speciale, prodotta con fino al 60% di malto di segale. Si dice birra di segale una birra nella quale la segale (solitamente malto di segale) sostituisce almeno in parte l’uso di malto d’orzo. Prodotta come una weizen, dal sapore amarognolo, dal retrogusto di lievito, schiuma compatta, gradazione attorno ai 5,5°, dal colore ambrato molto scuro. Poco conosciuta e poco diffusa anche in Germania, è praticamente sconosciuta nel resto d’Europa.

SAKÈ

birra giapponese prodotta con un lievito particolare in grado di fermentare fino a concentrazioni di alcool etilico del 20%. I sakè hanno normalmente da 10 a 20 gradi alcolici.

SAISON

è uno stile di birra chiara ad alta fermentazione tipica della Vallonia, regione di lingua francese del Belgio.. A volte stagionata con spezie o erbe. A media gradazione. Destinata in origine a riempire le botti dove veniva prodotta la birra ordinaria, in modo da evitare l’essiccazione delle stesse una volta svuotate.

SCHANKBIER

birra a fermentazione di lunga durata, dal sapore delicatamente amaro, con profumo di luppolo, buona spumosità e gusto armonioso, sapore mediamente deciso.

SCHWAMBÌER

lager germanica, di colore scuro e dal sapore di malto, molto deciso. Il tasso alcolico si avvicina a 5%.

SCOTCH ALE

birra scozzese dal tipico colore nero o noce, dovuto all’aggiunta di orzo tostato o di malto scuro. Delicatamente amara e dal gusto luppolato, il sentore di questa birra e’ piuttosto vario: dall’uva, al ribes, all’uva passa. Gradazione alcolica 6-8% vol. Si serve a 13 °C, dopo il pranzo. In altri paesi la denominazione identifica birre robuste.

SIDRO

Il sidro è una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione alcolica dei frutti delle mele e talvolta delle pere, i frutti di due piante coltivate delle Rosacee. La sua origine in Francia e in Normandia risale al Medioevo, ma la sua invenzione è antecedente. Più del 95% della produzione mondiale di sidro è realizzata con le mele, ma per gli intenditori il sidro con il miglior bouché pare essere quello rarissimo di mele cotogne.

STEAM BEER

birra dal perlage robusto e persistente fatta principalmente attraverso la fermentazione di lieviti per lager a temperature di fermentazione per ale. Si serve a non meno di 7 °C. Ha un colore ambrato chiaro, spuma densa e abbondante. Gradazione alcolica sui 5°.

STEINBIER

è la famosa birra tedesca “alla pietra”, ottenuta con un’antichissima tecnica di produzione. Contrariamente alla credenza popolare la Steinbier non è uno stile di birrificazione, bensì una originaria procedura per raggiungere la temperatura di fermentazione. Dal colore giallo oro vivo, dalla schiuma persistente, il perlage è sostenuto.

STOUT

Le stout sono birre scure ad alta fermentazione prodotte da malto d’orzo tostato. Colore scurissimo, spuma bianca compatta, profumo leggero di luppolo, sapore amaro corposo e persistente (3,7°-7°). una stout molto conosciuta è la Guiness. Da tutto pasto e da conversazione. La versione “amabile” (sweet o medium stout) è meno scura e più leggera (3,7°-5°). La stout inglese è spesso dolce.

STRONG ALE

molto genericamente nei paesi anglosassoni birre scure ad alta fermentazione con alto contenuto alcolico.

STRONG LAGER

lager britannica con gradazione alcolica elevata. Può superare i 6°.

TRAPPISTA

denominazione d’origine con cui vengono classificate le birre prodotte dai monaci trappisti in sei abbazie situate in Belgio (Achel, Chimay, Orval, Rochefort, St. Sixtus o Westvleteren, Westmalle) ed una in Olanda (Koningshoeven). Si tratta di birre robuste con colore dall’oro carico al bruno scuro, spuma abbondante, profumo leggero, sapore aromatico proposte in tre diversi tipi di corposità e gradazione: normale (entro i 5°), double (intorno ai 7°) e triple (da 8° a 10°). Si bevono in grandi bicchieri balloon per meglio apprezzarne gli aromi e si servono a temperatura ambiente. Ottime con formaggi erborinati. Le sette birrerie che possono marcare il loro prodotto con il logo Authentic Trappist Product sono le seguenti:

Bières de Chimay
Brasserie d’Orval
Brasserie de Rochefort
Brouwerij Westmalle
Westvleteren
Brouwerij de Achelse Kluis
Brouwerij De Koningshoeven (La Trappe)

TRIPEL

Tripel (o anche Trippel) era originariamente il nome che, convenzionalmente, usavano i mastri birrai trappisti del Belgio per descrivere la loro birra più forte. Ottenuta con un malto molto chiaro, e con l’aggiunta di molto zucchero. Il colore e’ chiaro, il gusto asciutto alta la percentuale alcolica, compresa tra i 7% ed i 9% vol.

UR./URQUELL

significa originaria di, in tedesco.

URBOCK

bock che si produce a Einbeck seguendo la vecchia ricetta medievale. E’ una bock di tipo classico, presentata in tre varianti: chiara, scura e di maggio.

VIENNA

Le birre di tipo Vienna, in realtà una semplice variante della classica tipologia lager, si caratterizzano generalmente per il colore ambrato, il gusto delicato e un tasso alcolico di buon tenore, oggi è prodotta in Sud America e Messico (4,5-6% vol). Ha colore rosso ambrato. E’ fabbricata originariamente a Vienna, ma ispirata alla Märzenbier.

WEIZEN (WEISSBIER, WEISSE, WEIZENBIER)

Il nome weizen (birra di frumento) è usato per indicare un’ampia famiglia di birre prodotte dalla fermentazione del grano, sempre misto a malto d’orzo; si distinguono per la loro leggera cremosità, il sapore dolciastro e la spiccata nota acida. Di colore biondo pallido, sono caratterizzate da spuma molto abbondante. Sono talvolta chiamate “birre bianche”, ma non a causa del loro colore, che è anzi spesso di un biondo opaco, ma a causa della schiuma che si genera durante la fermentazione. Molto dissetanti e rinfrescanti, sono anche assai digestive. Altra caratteristica è il lievito che rimane in sospensione dando alla birra un gusto particolare e un aspetto opaco. Sono prodotte in tre tipi: Hefeweizen (chiare con lievito), Dunkelweizen(scure, con lievito) e Kristallklar (chiare, ma senza lievito che viene filtrato). Di origine tedesca, vengono prodotte anche in altri paesi (in Belgio prendono il nome di Blanches). Non mancano versioni robuste, come la tedesca Weizendoppelbock (5,7°-6°).

WHITE/WIT/WHEAT

traduzione inglese e fiamminga che sta ad indicare birre di frumento.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sidebar



Top